Schermata iniziale

Una volta installato il programma e terminate le prime operazioni di settaggio, è buona norma prendere dimestichezza con la finestra di dialogo principale.

2070215870_21f9d6ae98_o.jpg

Come mostra l'immagie qui sopra, la schermata principale, visualizzata all'avvio del CacheMate, altro non è che un elenco di record appartenenti al database caricato, coerenti con la categoria selezionata e i filtri di visualizzazione attivati.

I record sono divisi in colonne che possono essere aggiunte, eliminate, o spostate e in senso verticale ogni colonna può essere riorganizzata in ordine crescente, o decrescente (vedi "Personalizzare le colonne").

Ogni colonna è caratterizzata da un'intestazione che ne identifica il contenuto. Per lo più sono abbastanza intuitive. La possibilità di allargarle permette fra l'altro di leggerne il titolo. Per motivi di spazio le colonne "Type" (tipo di cache) e "Container" (tipo di contenitore) utilizzano solo la prima lettera della categoria, per conservare spazio sullo schermo.
5 colonne hanno invece solo dei contenuti grafici:

  • Travel Bugs - un simbolino se sono presenti TB
  • Log Notes - un'icona grigia, gialla o rossa, a seconda del tipo di log
  • Bookmark
  • Found - una spuntatura verde se il cache è stato trovato da noi, una freccia rossa se è un nostro cache
  • Disabled - che marca i cache disabilitati

Se visualizzata, la colonna "Find %" mostra la percentuale dei log "found" sul numero totale di log importati per quel cache. Se non ci sono log, la colonna rimane bianca.

Oltre ai dati specifici relativi ai record è presente una serie di pulsanti e tre menù, che permettono di interagire con il programma.

Il primo in alto a sinistra è il pulsante di ricerca/visualizzazione. Attiva una serie di form che consentono, con una procedura avanzata, di cercare dei cache all'interno del database e selezionare quindi i record da visualizzare (vedi sezione "Ricerca dei record e filtri per la visualizzazione").

Una funzione similare viene attivata dal menù in alto a destra. In questo caso però si possono solo selezionare i cache in base ad alcune caratteristiche specifiche (ad esempio i cache che abbiamo trovato, quelli per i quali abbiamo loggato un "DNF", ecc). Nell'immagine in alto è selezionata la voce "All", per cui tutti i record presenti nel database vengono visualizzati.

N.B.: Il tastierino del palmare, può essere usato per delle semplici operazioni di ricerca a partire dalle lettere con cui iniziano i nomi dei cache.

In basso, oltre ai due menù "List" e "Option", che verranno analizzati separatamente in base alle voci e alle funzionalità specifiche, è presente una serie di pulsanti.

Il primo a sinistra a forma di foglietto, attiva una procedura per inserire nuovi record, il secondo a forma di bersaglio attiva il GPS e fornisce un rilevamento della posizione in cui ci si trova.
Proseguendo verso destra si trovano i pulsanti di esportazione (foglietti e freccia rossa) e di importazione (freccia rossa e foglietti - vedi "Importare il database").
L'ultimo pulsante sulla destra apre infine una finestra di dialogo con alcuni plugin che possono essere installati o meno nel CacheMate (per un esempio della schermata vedi l'argomento "Convertire le unità di misura della distanza".

interlinea

2071782997_ee7add1a89_o.jpg Esiste anche la possibilità di interagire con il database tenendo premuta la penna sul record e attivando un menù a tendina che consente di:
  • Aprire e visualizzare il record
  • Editarlo
  • Aggiungere un log
  • Cancellare il record
  • Spostarlo
  • Inserirlo in un bookmark
  • Utilizzarne le coordinate come come punto di partenza

interlinea