Nano event di Sabaudia... pochi ma buoni!

La giornata è perfetta, il sole è caldo ma il tipico ponentino pomeridiano rende la temperatura piacevole, tanto che non sento nemmeno il bisogno di accendere l'aria condizionata in macchina. La strada per il Centro Visitatori del Parco Nazionale del Circeo, la conosco fin troppo bene… il Lungomare, il ponte con lo sfondo della maga Circe che riposa, poi a destra e poi… dritto… dritto sino al mattino.
Provo un po' di emozione e anche un pizzico di orgoglio. Non sarà un evento numeroso come gli ultimi, so già che saremo in pochi, ma è nella mia Sabaudia e per me questo non è poco.
Il percorso è più breve del solito e quando inizio ad affrontare la curva dell'ingresso del parcheggio vedo già gli organizzatori. Li avrei riconosciuto anche senza aver visto la loro foto. Quando spengo il motore ed apro la portiera sono già lì: "Ciao tosco, ciao tornado… sono kazuma…"

Il primo Nano Event di Sabaudia inizia così, con l'emozione di qualcosa che volevo da tanto tempo e non poteva che trasformarsi in qualcosa di particolarmente divertente e piacevole. Il luogo scelto per il ritrovo ha fatto da splendida cornice all'incontro, anche grazie alla recente ristrutturazione che ha esaltato le potenzialità dell'eco-ambiente e di uno dei più vecchi parchi nazionali italiani. Oltretutto, a differenza del resto della zona, non si è vista nemmeno l'ombra di una zanzara :)

Ma a rendere l'accoglienza ancora più familiare ecco due membri del The Sevens Team, ossia ilTosco ed il giovane figlio Tornado95 che si sono rivelati essere dei perfetti padroni di casa e dei perfetti organizzatori… sul tavolo ecco che appare l'Event Cache, un contenitore con tanto di logbook… questa cosa mi mancava :)

Si parla si discute, gli argomenti sono svariati e si intrecciano senza un apparente filo logico ed il tempo passa sino a quando suona il cellulare… è ora di andare a prendere Chikka, anche se la persona più importante del nostro team rimarrà a casa con la nonna. Al ritorno ci sono più partecipanti, mentre due sms ci informano che ci saranno 2 defezioni. Il rammarico è grande come grande, grandissima è la presenza totalmente inaspettata di una famiglia (numerosa, accidenti) di geocacher svedesi che erano in vacanza nella zona. Come per tutti gli altri ('Nicole' team escluso), anche per loro questo era il primo evento. Bellissimo! Abbiamo parlato con piacere e ammirato con la lingua di fuori (e un pizzico di invidia) le foto di alcuni cache svedesi e, soprattutto, del luogo in cui vivono. Purtroppo non possono fermarsi a cena (si scoprirà solo il giorno dopo che nella via del ritorno hanno fatto l'FTF al cache al caterattino che avevo nascosto per l'occasione). A loro, comunque, l'onore di inaugurare il logbook dell'evento mentre gli altri scattano le foto di rito ai numerosi GC e TB.

Nonostante sia della zona, ilTosco sceglie un percorso lungo (nessuna scusa, se si tagliava per piazza Roma era meglio… hehehe) per raggiungere "La Capricciosa", la pizzeria prescelta per la cena, dove ci aspettano gli ultimi parttecipanti e gli ultimi membri del team organizzatore. A cena si aggiunge anche un non-geocacher… chissà mai che si unisca a noi. Ed è lì che a turno lasciamo il nostro commento sul logbook che alla fine viene messo nella scatola per il prossimo event… esattamente come un vero e proprio cache!

Ma non è ancora finito… la ciliegina sulla torta viene da qualcuno che si trova a quasi 1000km di distanza da noi… ossia il mitico (veramente mitico) KingfisherTeam che ci ha inviato un inaspettato SMS di saluti… pensiero estremamente gentile e particolarmente gradito!

La cena prosegue sino a quando vista l'ora tarda dobbiamo congedarci per tornare da Nicole… le ultime parole suonano come "CITO Event" e "il prossimo anno si replica"… sicuro!

Grazie!